Skip to content
22 gennaio 2008 / thebiker

Notizie di carta, notizie di bit

Su Internazionale di questa settimana Samir Husni, aka Mr. Magazine, espone in un articolo senza preamboli né giri di parole alcune sue tesi sulle ragioni fase delicata che l’editoria sta attraversando.
I buona sostanza – esordisce subito a bomba Mr. Mag – il problema dei giornali non sta nelle notizie, ma nelle redazioni. “Le separazioni territoriali all’interno delle redazioni sono vive e vegete e stanno spingendo i giornali nella tomba. (…)”.
E poi passa a descrivere una delle possibili ricette per ovviare: “Sono convinto che ogni quotidiano dovrebbe avere due redazioni: una vecchio stile per il giornale online, con dei reporter impegnati a scovare le notizie, un’altra dove i giornalisti si concentrano sull’analisi e sull’approfondimento e fanno la vera informazione”.

  

11 commenti

Lascia un commento
  1. fargazzi / Gen 22 2008 5:32 pm

    Mi sembra di ricordare una citazione simpatica tipo “le news sono gratis, la gente paga per l’informazione” o qualcosa del genere

  2. thebiker / Gen 23 2008 9:12 am

    correttissimo. la citazione è Hans Nijenhuis, direttore del giornale olandese Nrc Next: “la notizia è gratis. L’informazione no”

  3. nicola / Gen 23 2008 11:17 am

    molto interessante l’intervento. però non è vero che è tutto rimasto fermo nelle newsroom. prendi Repubblica (carta): ha una prima parte di notizie/attualità e una seconda (R2) di informazione/approfondimento. non sono ancora due redazioni separate, ma col tempo penso lo diventeranno
    Il discorso di Mr. Magazine, se ho capito bene, è ancora più estremo: online (e gratis) tutta l’attualità estemporanea; su carta (e a pagamento) l’approfondimento. Che è una visione giusta sul lungo termine. adesso però i tempi mi sembrano ancora prematuri

  4. fargazzi / Gen 24 2008 3:55 pm

    Però è anche vero che troppo spesso prendendo in mano un magazine cartaceo si ha la sensazione di rileggere cose che si sanno da settimane (mesi?) ripresentate in fretta e spesso con le stesse foto a bassa viste sul web… e allora la qualità dove sta?
    Ben meglio dare per presupposto ciò che sta online e fare un bel prodotto indipendentemente o comunque partendo da quello.

  5. pippawilson / Gen 28 2008 3:39 pm

    Forse alla carta bisognerebbe delegare più che l’approfondimento (che io naturalmente sarei portata a cercare online, in quanto mezzo più ecumenico), il commento e l’analisi.

    Penso a magazine come il New Yorker o l’Economist, il primo ha pagine e pagine di commenti, impossibili da leggere online,ma molto piacevoli da portare con sé al parco o da leggere attentamente bevendo un thé pomeridiano.

  6. thebiker / Gen 28 2008 6:03 pm

    commento e analisi sono a tutti gli effetti approfondimenti/informazione. quindi, non lo sai, ma sei già centratissima e completamente d’accordo con quello che dice mr. magazine🙂

  7. pippawilson / Gen 29 2008 11:42 am

    Che bello!😉

  8. pippawilson / Gen 29 2008 11:43 am

    Ma siamo sicuro che il commento sia “informazione”? per me è più “intrattenimento”… punti di vista immagino.

  9. thebiker / Gen 29 2008 2:15 pm

    commento=intrattenimento? se ti riferisci al fatto che i nostri editorialisti sono perlopiù dei pagliacci sono d’accordo con te

  10. pippawilson / Gen 29 2008 3:39 pm

    LOL un po’ pensavo a quello, lo ammetto.

    Cerco di spiegarmi meglio. Diciamo che le notizie hanno diversi livelli. Dalle agenzie che si limitano a informare del fatto il lettore (o il giornalista) all’editoriale che analizza, commenta e riflette sul fatto stesso, si passa – secondo me – dall’informazione in senso stretto all’informazione “extra”, ossia che intrattiene.

    Quando dico che “intrattengono” intendo dire che non sono “essenziali” all’informazione in sé. Ma possono essere un “piacere” in più.

    E’ questo tipo di “approfondimenti” (che secondo me riguardano la sfera più della dialettica/filosofia/cultura che non quella dell’informazione) che io sarei portata a cercare offline. Mentre la news e i suoi aggiornamenti e “approfondimenti freschi”, invece, sono naturalmente portata a cercarli online. Anche perché la news ha vita breve, mentre il “commento” e “l’analisi” sopravvivono nel tempo.

    Mi sa che mi sono capita solo io. Vado a fare un corso di comunicazione.

Trackbacks

  1. Giornalismo e modelli di business « WORK IN PROGRESS

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: